Condividi su

Biostimolazione viso

Ricarica la pelle delle sostanze che con l'età diminuiscono: trattamenti di Medicina Estetica e Biostimolazione viso

La Biostimolazione viso è uno di quei trattamenti di medicina, ad indirizzo medico estetico, di prevenzione per l'invecchiamento cutaneo che è sicuramente motivo di scelte terapeutiche impegnative, ma anche di grandi soddisfazioni per la Medicina Estetica.

Grazie alla biostimolazione cutanea possiamo contrastare le azioni nocive dei radicali liberi e degli altri fattori che invecchiano la pelle. Si realizza un progetto che, con l'ausilio di microiniezioni a base di acido ialuronico, vitamine, aminoacidi, acidi nucleici, precursori dell'acido ialuronico e sostanze utili per stimolare le cellule "operaie" della pelle (i fibroblasti), rivitalizza naturalmente la cute donandole turgore, luminosità e levigatezza.

L'obiettivo dichiarato è quello di contrastare l'invecchiamento cutaneo prima che il danno ed il conseguente difetto estetico sia troppo grave ed avanzato.

Ma "biostimolazione" è un concetto spesso mal interpretato e superficialmente identificato col termine "punturine". Non basta pungere la pelle con qualsiasi cosa: occorre una diagnosi precisa del grado di invecchiamento cutaneo per poter sceglier il "farmaco" o "dispositivo" più idoneo. Un esempio per tutti: iniettare il famoso acido jaluronico nella pelle che invece sa ancora produrlo significa bloccare i processi naturali della pelle stessa e accelerarne l'invecchiamento.

Come funziona

Viene effettuata una introduzione intradermica della sostanza ad azione rivitalizzante più indicata dal caso clinico a livello delle guance, del mento, della zona peribuccale, della zona perioculare, della fronte, del collo, del decolletè e del dorso delle mani mediante un ago monouso sottilissimo. Tale metodica determina un aumento dell'attività biologica della pelle riportandola a livelli di metabolismo più giovani, se ancora possibile, o apportando dall'esterno le sostanze che la pelle non sa più produrre. Questo atto terapeutico realizza il miglioramento dell'idratazione, del turgore e dell'elasticità cutanea; contrasta, inoltre, il danno da fotoesposizione correggendo quello già esistente e prevenendo quello futuro.

La durata dell'intervento non supera i 15 minuti.

Prodotti utilizzati

I prodotti utilizzati per la biostimolazione sono:

  • Acido ialuronico
  • Aminoacidi precursori del collagene, dell'elastina e dei glicosaminoglicani
  • Vitamine
  • Rimedi omeopatici
  • Sali minerali
  • Coenzimi
  • Antiossidanti
  • Acidi nucleici

Effetti

Idratazione: un'azione immediata di richiamo di acqua nei tessuti (è l'effetto maggiormente visibile nei primi trattamenti con il risultato di distendere i tessuti).

Stimolazione dei fibroblasti nel numero e nell'attività di produzione di maggiori quantità di collagene (inutile aggiungerlo dall'esterno, meglio produrlo noi dall'interno), azione questa che richiede un tempo di circa 80/90 giorni necessari dalla prima infiltrazione per il raggiungimento delle adeguate concentrazioni attive, azione anti Radicali Liberi, prodotti dagli innumerevoli fattori inquinanti non ultimo dalle radiazioni solari.

Controindicazioni: particolari gravi malattie autoimmunitarie (lupus, artrite reumatoide); assunzione di anticoagulanti (rischio di ematomi).

Effetti collaterali: il trattamento di biostimolazione risulta molto ben tollerato, può dare un lieve e transitorio gonfiore (legato al microtrauma dell'ago e alla quantità di prodotto iniettato) che scompare entro 1-24 ore a seconda del presidio utilizzato. Piccole ecchimosi possono durare qualche giorno, ma si coprono molto bene con il fondotinta. I prodotti usati non risultano allergizzanti.

Chiamaci al numero 06 83 52 38 72 Scrivici Stampa la paginaStampa la pagina